martedì 26 luglio 2011

UNA NOTTE AL MUSEO....VIRTUALE!!!! LOUVRE PARTE IV

Dopo aver visitato l'ala Richeliu (qui e qui) passiamo all'ala Denon, in gran parte dedicata alle memorie storiche del Louvre. 
 Questo itinerario ci permetterà di ripercorrere tutta la storia del museo e di apprezzare la ricchezza e la diversità dei suoi spazi.
La prima cosa che possiamo notare sono i fossati medievali, fatti costruire nel XIV secolo da Carlo V, alimentati anticamente dalla Senna. Adesso si possono osservare le mure in pietra consumate dall'acqua, ma ancora ben conservate.
Un passaggio ci conduce verso l'ala detta del "Rinascimento". 
Qui sono esposte le ceramiche scoperte durante gli scavi. 
La sala annessa "Saint Louis", scoperta casualmente nel 1882, (in occasione dei lavori per istallare un calorifero), fu per molti anni l'unica sala medievale aperta al pubblico. Una volta veniva chiamata "sala di Filippo Augusto", perché i capitelli che si trovano all'interno, risalgono al tempo di questo re.
Probabilmente ai tempi era adibitA a salone di ricevimento vista la sua grandezza, adesso invece vengono esposti alcuni reperti trovati in un pozzo durante gli scavi: piatti con le armi del delfino, una fibbia dorata e un elmo dorato.
Uscendo dalla Sala Saint Louis, si sale dalla scala di Enrico II, verso la Sala delle Cariatidi, un vasto spazio di ricevimento concepito da Enrico II per il cerimoniale di corte, le feste e i ricevimenti ufficiali. In seguito fu adoperata da Luigi XIV nuovamente come salone delle feste e dal 1692 divenne la sala delle "Antichità". Qui si possono ammirare quattro cariatidi.
 Da qui vi è tutto un susseguirsi di grandi saloni:
SALA DEI FIUMI: 
 decorata nel 1799, completamente dipinta con le raffigurazioni dei fiumi antichi.
SALA DELLE STAGIONI:
 affrescata dal pittore G.F.Romanelli, con le grandi eroine della storia, inquadrate da figure allegoriche che simboleggiano le virtù reali.
SALA DI AUGUSTO:
che con Enrico IV era stata la prima sala delle antichità, divenne poi l'appartamento di Anna d'Austria.
SALONE DELLA CUPOLA, o ROTONDA DI APOLLO,
è la galleria dedicata ai dipinti in onore del dio Apollo.
Molto belli quelli  realizzati da Delacroix, come il "Trionfo d'Apollo"

SALA DEI GIOIELLI,
dove, durante la Restaurazione , vi erano esposti gli oggetti preziosi .
SALA DEI SETTE CAMINETTI,
dove si trovavano gli appartamenti reali.
MUSEO CARLO X,
 inaugurato nel 1827, in origine appartamenti della regina, in seguito risistemati per esporvi i vasi antichi e la collezione egizia. Qui si può ammirare un magnifico dipinto di Ingres, "L'Apoteosi di Omero".
SALE DI PERCIER E FONTAINE,
dipinte con i ritratti dei maggiori artisti francesi
SALON CARRE',
il Sancta Sanctorum della pittura....è considerato il cuore del palazzo. E' privo di finestre, la luce della volta rischiara immensamente gli stucchi bianchi e l'oro del soffitto. I quadri alle pareti sono fittamente allineati.
LA GRAND GALERIE
si apre con la sua immensa prospettiva. Qui sono alloggiati i quadri di grande formato.
SALONE DENON,
fu concepito come vestibolo d'onore della Sala degli Stati, dove Napoleone III riceveva i rappresentati degli Stati Generali.
SALA DEL MANEGGIO,
 fu costruita per gli esercizi equestri del principe. Adesso sono esposte molte statue antiche restaurate e varie copiu del XVII secolo.

Sempre al pianterreno, possiamo trovare la collezione di antichità greche, etrusche e romane.
Le più importanti sono:
LA VITTORIA DI SAMOTRACIA
APOLLO DI PRASSITELE
 L'ERMAFRODITO ADDORMENTATO

IL SARCOFAGO DEGLI SPOSI


Qui possiamo ammirare anche due galleria maestose:
GALLERIA DONATELLO:
dove sono raggruppate opere italiane dall'epoca bizantina al XV secolo.
Importanti le opere di Luca della Robbia e Jacopo della Quercia.
Al centro della galleria sono esposte le opere di Donatello e della sua bottega, in particolare la sua Madonna in terracotta.
GALLERIA MICHELANGELO:
dove al centro si possono ammirare le sue Prigioni, destinati alla tomba di Giulio II, ma rimaste incompiute.
 All'interno della galleria si trovano anche "la ninfa di Fontainbleau" di Benvenuto Cellini e le opere più importanti di Gian Lorenzo Bernini, come il RICHELIEU: 
e la maestosa scultura di Canova:
AMORE E PSICHE
Bene, anche per oggi il giro turistico è finito.
Alla prossima!!!

8 commenti:

  1. Anche questa bellissima tappa! mi stai facendo fantasticare un sacco!
    baci baci

    RispondiElimina
  2. bellissimo! Grazie per avermi portato al Louvre! ^-^

    RispondiElimina
  3. Molto bene presentato il tuo articolo Cris, complimenti.
    Eros e Psyche mi fanno sempre sognare...

    RispondiElimina
  4. Grazie che sei passata da me Cris.
    Non ti preoccupare, fai bene a dedicarti all'altro...in fondo, non esiste solo internet. Personalmente, non faccio abuso, vado in rete per postare sul blog, parlare un po con gli amici, con i cari lontani...
    Preferisco spesso una passeggiata, un in incontro da vicino.
    Vai, divertiti, devi vivere la tua vita intensamente. Bacio.

    RispondiElimina
  5. Il Louvre è un luogo dove ritornare ad ogni nuova occasione...! :D

    Quante opere nostrane però...ehhhh!!! Napoleoneeee!!! XD

    Baciotti
    C.

    P.S. Ci sono dei segnalibri gratuiti nel mio salotto se ne hai bisogno! ;)
    :*

    RispondiElimina
  6. Anche questo viaggio virtuale è stato piacevolissimo, spero solo di potervi tornare presto di persona!

    RispondiElimina
  7. Cristina ma che fine hai fatto? Mi manchiiiiiiiiiiii.....torna a postare, dai!
    Ti aspetto, un bacione...
    Maris

    RispondiElimina
  8. Che bella sorpresa Cri!
    Tanti auguri a te di Buon Anno, grazie di essere passata da me.
    Spero ti sia divertita...

    RispondiElimina

Grazie della visita!!! Ciao

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...